CILENTO: UN MONDO DA SCOPRIRE

ALIOS ILIOS RESTAURANT

CAPO PALINURO

distanza: 0 km

Capo Palinuro, uno dei gioielli naturalistici del Parco del Cilento raccontato nell’Eneide di Virgilio, è un caratteristico promontorio calcareo a picco sul mare. Il suo perimetro è delineato da possenti pareti rocciose che, da altezze che in alcuni punti superano i 200 metri, prosegue al di sotto della superficie del mare per circa 50 metri.
La particolare consistenza dell’ammasso roccioso ha favorito il fenomeno carsico e l’erosione, con un alto numero di cavità sommerse: le 35 grotte di Capo Palinuro, infatti, rappresentano uno dei principali poli di interesse speleomarino in Europa. Tra queste, la più conosciuta, e anche la più visitata, è la Grotta Azzurra, lunga 85 metri e larga 90, che si trova all’altezza di Cala Guarracini e attraversa la parte settentrionale di Capo Palinuro.

BAIA INFRESCHI E CALA BIANCA

BAIA INFRESCHI E CALA BIANCA

distanza: 9 km

Cala Bianca e Porto Infreschi, a 9 km da Palinuro, vincono rispettivamente per il 2013 e 2014 il sondaggio web indetto da Legambiente come spiaggia più bella. Natura, profumi e colori mediterranei si mescolano con le tracce storiche che circondano questo specchio d’acqua incantato e cristallino. La bella insenatura si apre subito oltre la spigolosa Punta Magazzeno, dove si trovano i caratteristici ruderi di una tonnara. L’insenatura viene chiusa in maniera spettacolare da un braccio roccioso che le si para davanti, chiamato “Punta Stradella”, che va a colmare la suggestiva scenografia.
Baia Infreschi deve il suo nome alla fonte di acqua dolce e fredda che si trova all’interno della Grotta che si trova nell’angolo settentrionale dell’insenatura.
Nella baia vi sono alcune piccole spiagge. La più grande è il punto d’arrivo del sentiero che scende da Serra degli Infreschi, a sua volta raggiungibile da Lentiscosa o da Cala Bianca.

ALIOS ILIOS RESTAURANT

ELEA/VELIA

distanza: 20 km

Della città di Velia, dal greco Elea, antico centro della Magna Grecia, fondata nel VI secolo a.C., restano l’area portuale, Porta Marina, Porta Rosa, le Terme Ellenistiche e le Terme romane, l’Agorà, l’Acropoli, il Quartiere Meridionale e il Quartiere Arcaico.
Di indiscusso valore Porta Rosa, prestigioso monumento che svolgeva la duplice funzione di collegamento dei due quartieri della città, e di viadotto congiungente le due sommità dell’acropoli.
Tra i motivi che fanno di Velia un patrimonio dell’umanità va ricordata la scuola eleatica, una scuola filosofica che vantava fra i suoi esponenti, Parmenide e Zenone qui nati.

PAESTUM

PAESTUM

distanza: 65 km

Uno dei più importanti complessi monumentali della Magna Grecia, chiamato dai fondatori Poseidonia in onore di Poseidone, ma devotissimo a Era e Atena.
A Paestum si trovano innumerevoli reperti e manufatti decorativi, molti dei quali custoditi presso il Museo Archeologico Nazionale. Di immensa bellezza sono i tre templi di ordine dorico giunti in ottime condizioni, tanto da essere considerati esempi unici dell’architettura magno-greca: il Tempio di Nettuno (530 a.C.) in realtà dedicato ad Hera e costruito in arenaria, è il più grande tra i templi di Paestum; il Tempio di Athena (500 a.C.), noto anche come Tempio di Cerere; la Basilica (540 a.c.) che è in realtà un tempio dedicato ad Hera.

ALIOS ILIOS RESTAURANT

CERTOSA DI SAN LORENZO DI PADULA

distanza: 64 km

E’ la più grande certosa in Italia, nonché tra le più famose, ed è situata a Padula, in provincia di Salerno.
Fondato nel 1306, questo monastero ha il più grande chiostro del mondo (circa 12.000 m²) ed è contornato da 84 colonne.
La parte principale è in stile barocco ed occupa una superficie di 51.500 m² su cui sono edificate oltre 320 stanze. Oggi la Certosa ospita il Museo archeologico provinciale della Lucania occidentale, che raccoglie una collezione di reperti provenienti dagli scavi delle necropoli di Sala Consilina e Padula.

PAESTUM

BATTISTERO SAN GIOVANNI IN FONTE

distanza: 62 km

A pianta quadrata, è formato da un portico a sud. L’interno è diviso in tre parti: nella prima parte vi è la sorgente con un invaso pieno d’acqua; nella seconda parte vi è la vasca battesimale fiancheggiata da due ambulacri; la terza parte è formata dall’abside.
Nell’interno, cospicui resti romani – reimpiegati da una vicina villa d’età imperiale – emergono nei basamenti dell’abside e del nartece sul lato orientale; tracce di affreschi del X-XI secolo nella controfacciata (probabilmente “Giudizio Universale”), mentre i volti dei 4 evangelisti (visibili nei pennacchi della cupola costantiniana e databili al VI-VII sec.) sono stati trasportati nella non lontana Certosa di San Lorenzo.

ALIOS ILIOS RESTAURANT

CERTOSA DI SAN LORENZO DI PADULA

distanza: 64 km

E’ la più grande certosa in Italia, nonché tra le più famose, ed è situata a Padula, in provincia di Salerno.
Fondato nel 1306, questo monastero ha il più grande chiostro del mondo (circa 12.000 m²) ed è contornato da 84 colonne.
La parte principale è in stile barocco ed occupa una superficie di 51.500 m² su cui sono edificate oltre 320 stanze. Oggi la Certosa ospita il Museo archeologico provinciale della Lucania occidentale, che raccoglie una collezione di reperti provenienti dagli scavi delle necropoli di Sala Consilina e Padula.

Vacanze a Palinuro

LE NOSTRE OFFERTE